Home » il Progetto

il Progetto

DF Duna Feniglia Archaeology

DF Duna Feniglia Archaeology - Duna Feniglia

Duna Feniglia Archaeology è un progetto di valorizzazione territoriale, turistica e culturale del tombolo di Duna Feniglia, Orbetello (GR); esso nasce da un sito archeologico, in concessione di scavo e di studio al Centro Studi di Preistoria e Archeologia, CSP – ONLUS di Milano, risalente alla prima età del Ferro (IX sec. a.C.), ubicato nella riserva naturale di protezione di Duna Feniglia, vicino alla Sede del Corpo Forestale dello Stato, loc. Ansedonia.

 - Duna Feniglia

Lo scavo di Duna Feniglia, nasce all’interno del progetto “Paesaggi d’Acque”, nel 2000, quando inizia la campagna di ricognizione sistematica del Monte Argentario e del territorio perilagunare di Orbetello (GR).
La ricognizione è stata condotta tra il 3 ed il 20 settembre 2000, ad opera di un gruppo di studenti, laureati e specializzandi, delle università di Milano, Torino e Vercelli.

Giunti alla quindicesima campagna di scavo, ci siamo domandati come fosse possibile coinvolgere maggiormente il pubblico che, durante la stagione estiva e non solo, popola il tombolo di Feniglia.
Sia che si tratti di abitanti del luogo, sia che essi siano turisti occasionali, questi non hanno la possibilità di fruire a pieno di un bene archeologico e culturale che appartiene in primo luogo a loro.
Ciò accade in quanto, nonostante gli sforzi compiuti ogni anno dal CSP, non è possibile materialmente giungere al pieno sviluppo delle numerose idee che negli anni abbiamo sviluppato in merito a valorizzazione e musealizzazione del territorio e dello scavo archeologico.

Ecco perché nasce Duna Feniglia Archaeology: prende forma dall’esigenza sempre più pressante, specialmente in questo lungo periodo di declino economico, di ricevere un sostegno, materiale e non solo, affinchè non vada perduta questa ennesima possibilità che il territorio italiano ci offre; affinchè si possa preservare e garantire la trasmissione culturale delle nostre radici più profonde.
Fondamentale è inoltre la consapevolezza da parte nostra che l’intero scavo archeologico si regge, da un punto di vista meramente economico, sugli sforzi profusi dal Centro Studi, ma non solo: sono gli studenti dell’Università degli Studi di Milano e di altre università, che con grande passione mettono a disposizione le proprie risorse, il proprio tempo e fatica, per portare avanti questo scavo.
Senza però un vero sostegno, ogni anno diventa sempre più difficile trovare i fondi che permettono al CSP di sostenere le spese logistiche e gestionali di un progetto così importante per tutto il territorio di Orbetello e non solo; ogni anno risulta sempre più difficile pensare a quello successivo, ogni anno rischiamo di non poter continuare i lavori archeologici e di lasciare il sito al totale abbandono.